lunedì 19 maggio 2014

Leggings mon amour

La bella stagione è ormai incominciata e nei nostri armadi sono entrati a pieno titolo (e finalmente direi!) i capi leggeri: magliette, camicette, ballerine, foulard e...leggingns!
Così questa settimana ho deciso di spostare il nostro interesse sul cambio di stagione. Quella sferzata di energia al guardaroba che mischia colori, tessuti e capi versatili che solo la primavera riesce a dare.

Ed è proprio sui leggings che vorrei focalizzare l'attenzione in questo post. Forse mai nessun capo di abbigliamento è stato tanto amato/odiato quanto i leggings o, per chiamarli in un modo più antiquato "fuseaux".
Sì perché quella dei leggings è, come spesso accade, una moda che ritorna.


Già la bella ed elegantissima Audrey Hepburn gli indossava negli anni '60 ma, come tutti sappiamo, il vero boom di questo capo è esploso negli anni '80: pantacollant aderentissimi, quasi seconda pelle, di ogni lunghezza e foggia, satinati o lucidi, ricamati o lisci, nelle palestre come per strada, un tripudio di colore e fantasia. E sicuramente in questo nuovo e moderno trend Madonna ci ha messo del suo... :)

Oggi per molte i leggings sono diventati un capo davvero irrinunciabile, in ogni stagione: d'inverno sotto un vestitino o un maxipull ci scaldano le gambe più di qualunque tipo collant, anche 100 denari, mentre durante la bella stagione i leggings in tessuti più leggeri, lunghi alla caviglia o corti sotto il ginocchio, si rivelano un pratico e colorato sostituto dei pantaloni quando il caldo ci rende insofferenti e desiderosi di leggerezza. 
Eppure, nonostante tutti questi vantaggi, c'è chi ancora i leggings li odia.

Perché?
Sostanzialmente i leggings sono un capo molto easy e portabile ma la loro caratteristica principale, ovvero il fatto di essere assolutamente aderenti, li rende un alleato per le nostre curve ma, allo stesso tempo, anche il nostro peggior nemico. Quante volte ci è capitato di vedere in giro ragazzine (ma anche donne a tutti gli effetti) con qualche rotolino di troppo che spunta proprio dall'elastico del pantacollant?
Oppure fantasie coloratissime e insolite, belle magari indosso alle modelle con 160 cm di gambe ma non certo indosso a ragazze "umane"...




Premesso, ovviamente, che ognuno è liberissimo di scegliere come abbigliarsi, non si può escludere che certe scelte nel modo di vestire possono essere passibili di critiche (magari anche solo pensate e non espresse) non proprio felici da parte di chi ci osserva.
Detto questo, a noi può importarci relativamente del giudizio altrui, ed in effetti in certa misura è cosa sana "sbattersene" di ciò che gli altri hanno da criticare, ma quello a cui tutti dovremmo appellarci dovrebbe essere l'amor proprio, la voglia di sentirsi bene per quello che siamo e per come ci mostriamo. Piacersi e stare bene con se stessi è veramente l'unico imperativo da seguire sempre e comunque.

Ma per ritornare a parlare del nostro argomento, i leggings, sappiamo dunque che questo capo è fatto per valorizzare le gambe, per metterle in mostra e allo stesso tempo garantirci comodità e praticità, vediamo allora insieme come sfruttare al meglio questi pregi, piuttosto che cadere nella trappola del "non li metto perché tanto mi stanno male!" a priori (ebbene c'è chi sfoggia rotoli e gambe ad X ma anche che chi, forse per eccessiva autocritica, rinuncia prima di provare!).

Innanzi tutto è bene tenere presente delle regolette generali, che valgono per qualsiasi capo di abbigliamento, ed in particolare per i nostri leggings, sicuramente molti di questi consigli li conoscerete di già, ma "rinfrescarceli" ogni tanto serve per far mente locale quando ci troviamo in negozio e siamo indecisi su cosa acquistare ;) :

- I colori chiari allargano, i colori scuri snelliscono. Questa è veramente la base di tutto, vale per qualsiasi abito.
Regoletta da tenere a mente a maggior ragione con i leggings.
Se le gambette sono magroline e mettiamo un leggings total balck, ciò accentuerà la spigolosità e renderà il tutto poco gradevole, forse in questo caso è meglio optare per la fantasia. Al contrario se le gambe sono belle tornite, il nero le renderà più snelle ed armoniose.

- Occhio alla fantasia: chi l'ha detto che i leggings stampati stanno bene solo su gambe magrissime?!Una bella fantasia colorata può valorizzare anche delle gambe non proprio da stambecco, basta scegliere delle fantasie non troppo minute ed optare per disegni più ampi (ad esempio fiori grandi piuttosto che fiorellini minuscoli) e diretti in senso longitudinale ovvero verso l'alto, ed evitare righe orizzontali fitte e tutti quei disegni che "schiacciano" verso il basso.
Foto tratta da Flickr by ...love Maegan 
- Meglio "accarezzare" le curve: Ok, non tutte possiamo vantare un metro e ottanta di altezza e gambe tonico e ultra-affusolate, neppure dopo 365 giorni l'anno di palestra, per cui è facile che quel rotolino di troppo se ne stia proprio lì, dove non vorremmo mai che fosse.
Certe volte però è anche utile entrare nell'ottica che quello che per noi è un rotolino, può essere percepito come una piacevole curva a seconda di come riusciamo a valorizzarla.
Il "punto critico dei leggings", in generale, è sicuramente il lato B. Questi mettono in evidenza in maniera quasi analitica tutti i difetti della zona per cui, se si indossano pantacollant o, in genere, pantaloni molto aderenti e fini è buona regola scegliere una maglia che cada morbida sui fianchi e non lasci tutto il B side scoperto senza pietà!

Bene, dopo questa carrellata di piccoli consigli, vi propongo 5 outfit che ho indossato questa settimana (e non solo!gli abbinamenti che mi piacciono particolarmente, spesso li ripeto!), tutti realizzati "a base di leggings". Spero che vi piacciano e possano tornarvi utili per avere qualche spunto quando magari vi sembra di non avere niente nell'armadio.
Come potrete notare io ho delle gambe tutt'altro che sottili, ciononostante mi piace indossare i leggings e certamente non me ne privo!Cerco solo di ricercare il modo di indossarli che credo si confaccia di più alla mia linea e alla mia figura...



- Lunedì: I leggings fioriti sono un capo che cercavo da un po' di tempo, ma non riuscivo a trovarne che mi stessero bene. Alla fine ho trovato questi e credo che siano molto carini da indossare sia il giorno, che la sera, magari quando farà più caldo con un paio di sandali con tacco o zeppe tipo espadrilles. Questi bikers che ho nella foto li amo e li ho presi in un negozietto vicino casa mia che si chiama Mac per poche decine di euro.
Mi piace abbinare anche altri accessori con stampa fiorita simile a quella dei leggings, come ad esempio una bella pashmina. Cosa ho indossato:
1) Leggings stampa fiori su fondo nero, Charget; 
2) Top con ricamo crochet Promod; 
3) Bikers color toupe (Mac);
4) Cardigan lungo Zara;
5) Pashmina H&M.



-Giovedì: classici leggings neri. Il total black non fa per me quindi, a capi di abbigliamento in tinta unita scura mi piace abbinare qualcosa di brillante e colorato.
E' un outfit che trovo molto comodo per tutti i giorni.
Cosa ho indossato:
1) Leggings neri Tezenis;
2) T-shirt rosa stampata (Mac);
3) Sneakers bordeaux borchiate;
4) Cardigan in cotone Pimkie;
5) Borsa in vernice Carpisa;
6) Braccialetti vari colorati tipo pizzo.



- Venerdì sera: leggings animalier. Questo è un capo un po' particolare e sicuramente non facile da abbinare ed usare. Io li ho messi in rare occasioni, devo essere onesta, però mi piace l'effetto che fanno sotto questo vestitino a tubino nero in pizzo, credo che donino un tocco di eccentricità ad un outfit altrimenti forse troppo banale.
Mi piace abbinare il rosso all'animalier e al nero, ma per la bella stagione preferisco sostituire il rosso al rosa confetto (un rossetto luminoso o uno smalto laccato rosa caramella (5) ).
Cosa ho indossato:
1) Leggings stampa animalier Tally Weijl;
2) Minidress in pizzo;
3) Decolletè Motivi;
4) Giacchina ecopelle Pimkie;


- Sabato sera: jeggings. Ecco questo è uno dei rari casi in cui porto pantaloni ultra-aderenti 

senza indossare sopra una maglia molto lunga.
Perchè in realtà quelli che indosso non sono veri e propri leggings ma una via di mezzo fra pantacollant e jeans. La differenza la si nota anche nel tessuto.
Questo è un outfit che ho usato spesso ultimamente per uscire la sera in occasione di qualche festa o cena.
Cosa ho indossato:
1) Jeggings blu marino Zara;
2) Top peplum Pimkie;
3) Cardigan animalier Ovs;
4) Decolletes Ovs;
5) Braccialetto Promod.


- Domenica pomeriggio: leggings aztechi. Inizialmente non amavo questo tipo di stampa per i leggings e ci hanno messo un po' prima di entrarmi nell'occhio e di trovarne un paio che mi piacessero come mi stavano indosso. Ma quando ho visto questi me ne sono innamorata.
Li ho presi la scorsa estate e li ho usati moltissimo contro ogni mia aspettativa. 
Cosa ho indossato:
1) Leggings stampati Tally Weijl;
2) Camicetta in jeans Pimkie;
3) Canotta con inserti in pizzo Subdued;
4) Ballerine color crema;
5) Orecchini a forma di fiore Bijou Brigitte. 

Quindi, in questo caso i leggings "mi hanno salvata" 5 giorni su 7. Voi che ne dite?Vale la pena di provare ad inserirli nel proprio guardaroba?!! ;)

Vi auguro una buona settimana e non dimenticate di mettere "Mi piace"alla pagina Facebook di ArteMiss :)

Linky Party C'e' Crisi
Con questo articolo partecipo al Linky Party settimanale di Alex C'è cirsi, c'è crisi.